Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Verso Cagliari-Udinese, Lopez: "Dobbiamo vincere, ci salveremo"

"Giocano Cigarini, Pavoletti e Sau"

Condividi su:

Cagliari in campo domani alle ore 15:00 alla Sardegna Arena. Come fosse una finale, i rossoblù di Lopez non possono sbagliare e devono battere l'Udinese per conquistare tre punti cruciali e vitali in chiave salvezza.

Alle 17:15 il tecnico rossoblù incontrerà i media dal ritiro di Asseminello, vi trasmetteremo le sue dichiarzioni grazie al contibuto della nostra inviata Alexandra Atzori.

Amici sportivi buon pomeriggio dal centro sportivo di Asseminello, un saluto da Alexandra Atzori. Tra poco, dopo la rifinitura, la conferenza stampa di Mister Lopez. Chi in campo nella gara salvezza contro l'Udinese? Cigarini dal primo minuto? 

Rientra Ceppitelli, chi lo affiancherà in difesa? Dubbi anche in mediana e in dubbio la presenza dal primo minuto di Han. Cossu troverà spazio? Cercheremo di saperne di più tra qualche minuto quanto il tecnico rossoblù parlerà in sala stampa.

Ancora qualche minuto di pazienza, e di attesa.

Eccoci, si comincia, ecco le dichiarazioni di Lopez:

"Il ritiro è stato voluto da tutti,  così siamo stati insieme e abbiamo lavorato. Cerchiamo sempre di lavorare per far bene e migliorare. Quando si gioca per la salvezza bisogna sempre di vincere,  soprattutto le gare in casa contro le dirette concorrenti. Ovviamente dobbiamo cercare di fare punti e vincere,  dobbiamo anche imparare da errori come quello di Genova: se non riesci a vincere almeno bisogna tenersi stretto il punto.

È ovvio che quando non si vincono le partite si analizzano i motivi,  ma bisogna sempre usare l'obiettivita. L'Udinese viene da un periodo brutto ma noi dobbiamo guardare in casa nostra,  dobbiamo essere aggressivi e dobbiamo migliorare nei dettagli,  gestire meglio la palla e giocare bene a calcio.  Poi è ovvio che non sempre riesco a giocare bene ma bisogna imparare a gestire la gara.  Dobbiamo affidarci ai nostri giocatori "grandi", che hanno esperienza.

Mi dispiace molto per Rossi,  è andata via una persona leale e valida con cui ho lavorato bene.  Noi però  dobbiamo lavorare per il bene della squadra,  Carlo l'ho conosciuto l'anno scorso e l'ho rincontrato martedì mattina e mi ha fatto una buona impressione.  Abbiamo deciso di andare avanti con questa squadra,  d'accordo anche con il presidente,  perché  abbiamo la convinzione che ci salveremo.

Han é rientrato e oggi ha fatto tutta la rifinitura.  Non può  giocare dal primo minuto ma può  esserci utile.  Cigarini?  Avrei voluto farlo giocare domenica ma non ho potuto metterlo ma questa settimana si è allenato tutta la settimana e può  giocare.  È molto importante per noi, ho sempre detto che mi ricorda Conti, non è veloce ma ha altre qualità. Mi riferisco anche a lui quando parlo dei "grandi". Tre nomi?  Pavoletti,  Sau e Cigarini.  Non ho dubbi in difesa,  quando c'è  abbondanza è difficile scegliere ma avere a disposizione gente come Pisacane,  Andreolli,  Romagna è una sicurezza.  Anche se non hanno giocato tutte le gare sono tutti una sicurezza.

Questa gara è importante per noi è non dobbiamo guardare oltre.  Conosco da tanto i tifosi del Cagliari e quello che è successo domenica in aeroporto  è stata una cosa importante perché ci siamo spiegati e vorrei anche dire che sull'aereo non è vero che ci sono stati disordini.  Domani cercheremo di fare più  di quanto ci hanno chiesto i tifosi dopo il nostro atterraggio.

Domani è uno scontro diretto importante per noi. Dobbiamo usare la testa,  dobbiamo fare le marcature preventive perché loro hanno giocatori veloci e quindi bisogna stare attenti.  Mancano poche partite ma ne mancano,  comunque.  Noi abbiamo fatto una buona settimana.

Cossu?  L'abbiamo visto poco perché l'ho fatto giocare poco io ma quando si allena è un esempio per tutti,  soprattutto  per i giovani.  Siamo amici e lo conosco bene,  ma questa è un'altra cosa.  Quando parlo dei "grandi" intendo parlare anche di lui,  così come Pavoletti,  Sau,  Cigarini,  Ceppitelli e il Capitano".

 

Condividi su:

Seguici su Facebook