Cagliari, ecco come cambi tatticamente dopo il mercato

Con gli ultimi acquisti Di Francesco potrebbe pensare a un nuovo modulo

pubblicato il 07/10/2020 in La Lavagna Tattica da Michelangelo Corrias
Condividi su:
Michelangelo Corrias
2020

Con la fine del mercato il Cagliari ha messo a segno il colpo Ounas per l'attacco, portando in Sardegna un esterno di fantasia che si sposerebbe alla grande col 4-3-3 di Di Francesco. Tuttavia, viste anche le ultime gare dei rossoblu, ci si è accorti che il modulo del mister di Pescara non è il più congeniale per l'organico dei sardi. Le cose dunque potrebbero cambiare da un momento all'altro.

L'anno scorso gli isolani giocarono prevalentemente col 4-3-1-2, grazie anche alla presenza di Radja Nainggolan in veste di trequartista, che quest'anno però non è tornato a casa. Può darsi comunque però che si riproponga lo stesso schema, stavolta utilizzando poprio Ounas da trequartista adattato. In questo modo Joao Pedro tornerebbe a fare la seconda punta insieme al Cholito Simeone, come nella passata stagione.

Un'altra opzione potrebbe essere vedere i rossoblu scendere in campo con una sorta di 4-3-2-1: un albero di Natale che vedrebbe Joao e Ounas più vicini al centro per dar man forte all'unica punta, con Marin che da regista sarebbe più coinvolto nella manovra visto che avrebbe più opzioni vicine. Sono tutte ipotesi, possibili ma non certe.

La difesa a 3 difficilmente invece potrebbe fare al caso dei sardi, dal momento che Godin si troverebbe in difficoltà come all'Inter essendo abituato da sempre a una linea a quattro, quindi un 3-5-2 è più vicino alla fantasia che alla realtà.

Può darsi anche che Di Francesco continui col 4-3-3 e e con le sue idee, confidando nel percorso di crescita dei suoi che piano piano stanno apprendendo i meccanismi giusti.

Tra due domeniche, dopo la sosta Nazionali, c'è il Toro: cambio modulo o no, bisogna trovare i primi tre punti della stagione.