Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Bellanova il migliore, Dalbert che errore

Le pagelle del Cagliari che perde 2-0 contro la Juve

Condividi su:

Cragno: 5,5. Viene preso in controtempo dalla testata di Kean, forse invece poteva fare di più su Bernardeschi. Per il resto non viene impegnato molto.

Zappa: 5. Si fa scappare Kean che di testa punisce, meglio in fase di contenimento che quando deve spingere, anche se ad un certo punto mette un cross al bacio per la testa di Joao Pedro che però non ringrazia. Banale l'errore che porta al 2-0 bianconero.

Carboni: 5,5. Gioca una buona gara fino al gol di Kean, quando si lascia sfuggire Bernardeschi sul suo piede preferito. Delle volte va in affanno.

Ceppitelli: 6. Anche lui come Zappa non resta attaccato a Kean, ma c'è da dire che era difficile prevedere la deviazione del tiro di Bernardeschi. Attento invece nel resto del match.

Lykogiannis: 5,5. Dalle sue parti si soffre di più con Cuadrado e Bernardeschi che attaccano di continuo, e in fase di spinta non dà l'apporto sperato.

Bellanova: 6,5. Il più propositivo del Cagliari, punta spesso l'uomo e cerca la giocata. Mette un pallone d'oro sul piede di Dalbert ma il brasiliano lo spreca. Copre bene anche in difesa. È il migliore dei suoi.

Grassi: 5,5. Non riesce ad inventare, un po' troppo compassato e meno lucido del solito.

Deiola: 5,5. Chiude bene su Kean pronto a colpire, ma per il resto del match soffre il pressing della Juve a centrocampo. Dal 71' Oliva: S.V.

Dalbert: 5. Gioca una gara dinamica ma sbaglia clamorosamente il gol del pari a due passi da Szczesny. Errore che pesa. Dall'85' Keita: S.V.

Pereiro: 5. Un pesce fuor d'acqua per tutto il match, prova anche ad abbassarsi ma tocca pochissimi palloni. Meglio da trequartista che da seconda punta. Dal 64' Pavoletti: 5,5. Prova a fare a sportellate ma non riesce a combinare molto, il tipo di partita non lo favorisce.

Joao Pedro: 5,5. Sonnecchia per gran parte del match e si risveglia con una girata di testa su cui però Szczesny cala un mezzo miracolo. Non basta però per prendere la sufficienza.

Mazzarri: 5,5. La squadra gioca una gara abbastanza ordinata, per buoni tratti del match limita la Juve ma alla fine, per episodi e anche per stanchezza, la subisce. Continuano però i problemi in fase di costruzione, la manovra è ancora sterile e nonostante i rossoblu abbiano avuto due palle gol nitide per il resto c'è stato poco o niente. Troppo tardivo inoltre l'ingresso di Keita. Segnali di incoraggiamento invece nell'atteggiamento, diverso in positivo dalle ultime gare. Era troppo chiedere un successo e magari anche un pari in casa della Juve, ma ora resta solo un girone per salvare la stagione.

Condividi su:

Seguici su Facebook